Primo evento di primavera in mensa con la Erasmus Welcome Dinner

 

 

Data:
23 marzo 2023

Visualizzazioni:
317

 

 
Oltre cento studenti stranieri provenienti da ogni parte d'Europa, guidati dall’Associazione studentesca ESN Sassari, sono stati accolti nella mensa di Ersu Sassari con un cena tipica sarda. Il quartetto di sax del Conservatorio “L. Canepa” di Sassari ha accolto in musica gli ospiti internazionali.

La primavera si apre con uno degli eventi speciali firmati Ersu Sassari.

Grande accoglienza ieri in mensa per gli oltre cento studenti stranieri, provenienti da ogni parte d'Europa, che hanno scelto Sassari per trascorrere un periodo di studi all'estero con il programma Erasmus+.

Ersu Sassari, ormai come da tradizione, ha voluto porgere il proprio benvenuto nella forma più efficace, la buona tavola: la mensa di via dei Mille a Sassari, anche in questa occasione, si è trasformata in una vera festa di culture a confronto. Attraverso il convivio, l’Ente si è approcciato ai nuovi studenti per far scoprire loro uno dei tanti servizi offerti alla popolazione studentesca a sostegno del diritto allo studio universitario. E quello della ristorazione è probabilmente tra i più conosciuti e apprezzati, grazie anche alla genuinità dei prodotti offerti, altamente selezionati e provenienti dalla filiera corta e menu studiati ad hoc nel rispetto della tipicità regionale. E per l’occasione del benvenuto agli Erasmus il menu era sardo doc: fregula ai frutti di mare e zafferano, zuppa gallurese, gnocchetti sardi al ghisadu di pecora, buffet di antipasti misti di terra, pescatrice alla catalana, agnello (igp) in umido con carciofi (spinoso sardo) dop, insalata di polpi con fichi e noci, porcetto sardo arrosto, braciole di maiale al miele, capocollo con panatura di carasau e mirto e melanzane alla sassarese.

All'evento hanno preso parte anche i rappresentanti di Università, Accademia di Belle Arti, Conservatorio e Comune di Sassari, quest'ultimo rappresentato dall’Assessore alla Cultura Laura Useri, accolti dal Commissario Straordinario Rosanna Ruiu e dal Direttore Generale Libero Meloni di Ersu Sassari.

Per la prima volta in assoluto, l’evento è stato realizzato grazie anche al supporto del Conservatorio “L. Canepa” di Sassari: gli studenti di sassofono Edoardo Rosa (sassofono soprano), Giuseppe Bussu (sassofono contralto), Gianluca Deiana (sassofono tenore) e Francesco Santino Scognamiglio (sassofono baritono), preparati dal Prof. Enea Tonetti, hanno aperto l’evento con l’esecuzione dei brani Suite Hellenique di Pedro Iturralde, Toquades di  Jerome Naulais, Ulla in Africa di Heiner Iberny e Birdland di Joe Zawinul.

 

“Accoglienza, ascolto, sostegno: questi sono gli obiettivi primari che Ersu Sassari sta perseguendo a difesa e garanzia del diritto allo studio universitario; lo garantiamo sia agli studenti italiani ma anche ai tantissimi stranieri che, grazie al prestigio internazionale dell’Università, di Accademia e Conservatorio della nostra Città, ogni anno arrivano in numero sempre crescente e ai quali dobbiamo poter garantire la migliore accoglienza possibile - ha sottolineato il Commissario Straordinario di Ersu Sassari Rosanna Ruiu che prosegue - collaborare, inoltre, costantemente e in modo proficuo con le altre istituzioni accademiche del territorio e con le associazioni studentesche come, per questa occasione, l’Associazione Erasmus Student Network di Sassari, ci permette di avere una visione ad ampio raggio per comprendere i reali bisogni dei nostri studenti e migliorare la nostra azione”.

Tra gli ospiti anche tre studenti bulgari che hanno scelto il Conservatorio di Sassari per approfondire lo studio del Canto lirico e del pianoforte 

Il Presidente del Conservatorio di Sassari Ivano Iai ha sottolineato l’importanza di offrire “l'opportunità ad allieve e allievi di compiere segmenti del percorso accademico presso istituzioni dell'alta formazione in altri Stati: è un modello irrinunciabile d'incontro tra culture. 

I programmi come Erasmus+ sono esperienze decisamente positive in quanto utili a preparare ed esporre i giovani di fronte alle tante realtà del mondo anticipandone, al tempo stesso, le prospettive di valutazione e decisione delle future scelte di lavoro. Nelle realtà conservatoriali i numeri di allieve e allievi dei programmi Erasmus ospiti e ospitati in omologhe Istituzioni estere non possono essere gli stessi delle Università ma vi è, in compenso, un'elevata presenza di iscritti stranieri, soprattutto orientali. Il Conservatorio di Sassari ospita tre allieve e allievi bulgari (due di pianoforte e uno di canto), mentre cinque nostri iscritti sono attualmente ospiti di Conservatori europei (tre in Germania per studiare oboe, canto jazz e violino e due in Spagna per il flauto e in Bulgaria per il pianoforte)”.

 

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento:
30 marzo 2023 , 10:58

Potrebbero interessarti